Teatro Verdi Firenze - Venerdì, 31 Marzo 2017

Acquista on-line

Acquista On-Line

Il Teatro a 360°

Guarda il teatro

News

Dal 7 Novembre 2017
RICHARD O’BRIEN’S
ROCKY HORROR SHOW
produzione internazionale
CLAUDIO BISIO 
nel ruolo di Narratore

Leggi tutto...

A GRANDE RICHIESTA
REPLICA!!!
MOMIX 25 marzo

CAVEMAN 3 aprile
BRIGNANO 5 e 10 aprile

Leggi tutto...

Newsletter



Rassegna Stampa

Calendario eventi

Ricerca avanzata eventi

ARIA PRECARIA
Dal 05/11/2010 al 07/11/2010
 


 

Presso la biglietteria del Teatro sono ancora disponibili i biglietti per gli spettacoli di sabato 6, domenica 7 ore 16.45 e domenica 7 ore 20.45


Sifulum presenta


ALE E FRANZ in

ARIA PRECARIA

uno spettacolo di
di ALESSANDRO BISENTINI e FRANCESCO VILLA e LEO MUSCATO

scritto con Martino Clericetti, Antonio De Santis, Rocco Tanica, Fabrizio Testini

scene e regia   LEO MUSCATO
costumi   LAURA LIGUORI
disegno luci   ALESSANDRO VERAZZI



Dieci incontri, a volte scontri, altre volte attese.
Dieci fasi della vita, su cui ridere, sorridere, ma anche riflettere.
Due uomini - a volte amici, altre volte nemici, ogni tanto sconosciuti - incrociano i loro destini sul ciglio di una strada, in un rumoroso nido d’ospedale, su una panchina al fresco di un parco, nell’asetticità di un call center, in una fiduciosa sala d’aspetto, in una vitalissima bocciofila o sul cornicione di un palazzo…
Luoghi sospesi a mezz’aria fra il serio e il faceto; luoghi in cui l’aria che si respira è a volte dolce, altre volte salata, molto spesso precaria.
Questi due uomini si incontreranno in situazioni paradossali, luoghi fra il concreto e l’assurdo, dove l’ordinaria vita di ogni giorno è messa di fronte a uno specchio deformante che ne rivela tutte le contraddizioni.
Attraverso dei meccanismi di surreale comicità, gli uomini si mostrano nei loro aspetti più ridicoli, nelle loro più assurde ostinazioni e semplici contraddizioni. Ma anche nelle umane fragilità, in cui ogni spettatore potrà riconoscersi.
Tutto questo all’interno di un bianco spazio astratto, una sorta di camminamento in bilico dal niente verso il tutto che, di volta in volta, la luce trasformerà in luogo diverso, un altrove dentro cui lasciarsi andare con l’immaginazione.

Leo Muscato

 




Orchestra della Toscana Orchestra della Toscana BoxOffice Toscana