Teatro Verdi Firenze - Mercoledì, 29 Marzo 2017

Acquista on-line

Acquista On-Line

Il Teatro a 360°

Guarda il teatro

News

Dal 7 Novembre 2017
RICHARD O’BRIEN’S
ROCKY HORROR SHOW
produzione internazionale
CLAUDIO BISIO 
nel ruolo di Narratore

Leggi tutto...

A GRANDE RICHIESTA
REPLICA!!!
MOMIX 25 marzo

CAVEMAN 3 aprile
BRIGNANO 5 e 10 aprile

Leggi tutto...

Newsletter



Rassegna Stampa

Calendario eventi

Ricerca avanzata eventi

A CHORUS LINE
Dal 13/03/2009 al 15/03/2009
 
Clicca sull'immagine per ingrandire


 

Compagnia della Rancia – Giacaranda

Presentano

A Chorus Line

Ideato e originariamente diretto e coreografato da MICHAEL BENNETT


Libretto JAMES KIRKWOOD e NICHOLAS DANTE
Musiche MARVIN HAMLISCH
Canzoni EDWARD KLEBAN
Co-coreografato da BOB AVIAN
Traduzione GEROLAMO ALCHIERI
Adattamento canzoni MICHELE RENZULLO
Adattamento testo SAVERIO MARCONI
Scene originali ROBIN WAGNER
Costumi originali di THEONI V. ALDREDGE
Riallestimento scenografico GABRIELE MORESCHI
Collaborazione artistica FABRIZIO ANGELINI
Disegno luci VALERIO TIBERI
Direzione musicale di SIMONE MANFREDINI
Disegno fonico GIUSEPPE BARRESI
Collaborazione al disegno fonico ENRICO PORCELLI
Coreografie di BAAYORK LEE
Regia di BAAYORK LEE e SAVERIO MARCONI
Riallestimento di LUIS VILLABON
Prodotto originariamente a Broadway dal “New York Shakespeare Festival” – Produttore Joseph Papp in associazione con Plum Productions Inc.

È stato uno dei più grandi successi del musical di tutti i tempi; è stato lo spettacolo che, prodotto dalla Compagnia della Rancia nel 1990, ha convinto tutti che anche in Italia si potesse mettere in scena un musical; la nuova edizione americana, attualmente, è il più grande successo in cartellone a Broadway. Anche questa edizione di A Chorus Line vede la regia associata di Baayork Lee e Saverio Marconi - che già avevano firmato le precedenti edizioni – mentre il riallestimento è stato curato da Luis Villabon. Baayork Lee è una delle più profonde conoscitrici di A Chorus Line: oltre ad essere stata la ballerina che ha originariamente ispirato, con la sua vita reale, la storia di Connie, uno dei personaggi del musical di Michael Bennett, ha diretto e riallestito le coreografie originali di decine di edizioni del musical in America e in tutto il mondo e ha curato le coreografie dell’edizione attualmente in scena a Broadway.
A Chorus Line, il musical più emozionante, tra coreografie straordinarie e canzoni coinvolgenti, è una storia che conquista il cuore. Nella penombra di un teatro di Broadway, l’audizione per un nuovo spettacolo è quasi terminata. Una linea bianca sul palcoscenico divide la zona del corpo di ballo dal proscenio riservato alle star: lungo questa linea del coro si susseguono i racconti di diciassette personaggi che, attraverso la musica e la danza, condividono con gli spettatori le storie delle loro vite. Diciassette storie bellissime, alcune divertenti, altre commoventi, tutte straordinariamente toccanti, regalano così la rara sensazione di un musical indimenticabile che, dopo 30 anni, conserva ancora un messaggio profondo anche per le nuove generazioni.

LA STORIA

Una linea bianca segna il palcoscenico, una linea che, nella consuetudine degli spettacoli di Broadway, divide la zona del “coro” dal proscenio, riservato alle star. Una linea che divide anche le azioni: tutto ciò che accade dietro di essa rappresenta i sogni e i ricordi di ciascun ballerino, mentre tutto ciò che accade davanti è la realtà. Questo è A Chorus Line. Emozionante, innovativo, creativo, a tratti drammatico, nasce nel 1974 da un workshop in cui un gruppo di ballerini (i cosiddetti gypsies, coloro che passano da un musical all’altro), dopo le prove di uno spettacolo, si incontrano per parlare delle proprie esperienze personali e professionali, e di come la danza abbia condizionato le loro vite. L’incontro fu registrato su un nastro e trascritto: da lì fu tratto il testo dello spettacolo. Dopo la leggendaria prima del 25 luglio 1975 al Public Theatre di New York, alla presenza di 300 spettatori, partì un passaparola che portò a una svolta nella storia di Broadway: era nato il Re dei musical. Lo spettacolo, negli anni, è stato rappresentato in oltre 22 paesi nel mondo, 104 città negli Usa e ha coinvolto, solo a Broadway, oltre 500 performers. In scena, il teatro nel teatro, la storia non solo di un regista che sceglie, tra i numerosi candidati, il corpo di ballo per un nuovo spettacolo ma, soprattutto, la vita di giovani artisti messa a nudo sul palcoscenico con le speranze, i sogni, le debolezze e i fallimenti della realtà quotidiana. Per tutti è una sfida con la vita. Michael Bennett ha voluto raccontare al pubblico le verità dei ballerini di fila, nude e crude, come nuda e scarna è la scena che esalta aspetti a tratti drammatici: il lavoro che non c’è, le sconfitte che si susseguono, la passione che costringe questi giovani ad arrancare sperando di farcela a ogni nuova audizione per entrare, dopo durissime selezioni, in un corpo di ballo in cui tutti dovranno essere identici nei costumi, nelle movenze, addirittura nei sorrisi, annullando personalità e individualità. La musica, le coreografie, la recitazione, sono tutta un’esaltazione del musical, che mai come qui rappresenta la vita stessa degli attori e, metaforicamente, tocca i tasti più profondi dell’animo umano. La storia racconta di un’audizione a Broadway: il regista Zach vuole conoscere a fondo i ballerini che si sono presentati e chiede loro di parlare di se stessi. Ne nascono confidenze emozionanti, divertenti o commoventi, raccontate attraverso balletti e canzoni dalla forza travolgente. Alla fine, solo otto di loro saranno scelti ma, come nel sogno di ciascuno, tutti compariranno nel grande numero finale a cantare ONE, nel bagliore accecante delle paillettes e dei cilindri dorati, a dirci che, comunque, essere lì sul palcoscenico rappresenta sempre una rara sensazione.

 
Organizzatore: Antico Teatro Pagliano srl Via Ghibellina, 101 Firenze P. Iva 04899170480

 




Orchestra della Toscana Orchestra della Toscana BoxOffice Toscana