Teatro Verdi Firenze - Martedì, 21 Febbraio 2017

Acquista on-line

Acquista On-Line

Il Teatro a 360°

Guarda il teatro

News


MAGICFLORENCE
con GAETANO TRIGGIANO
Corsi di Magia,
Mostra ILLUSIONARIUM
Leggi tutto...

A GRANDE RICHIESTA
REPLICA!!!

CAVEMAN 3 aprile
BRIGNANO 5 aprile

Leggi tutto...

Newsletter



Rassegna Stampa



Calendario eventi

Ricerca avanzata eventi

ARIA PRECARIA

ARIA PRECARIA

SIFULUM presenta
ALE E FRANZ 
in

ARIA PRECARIA
spettacolo di e con ALESSANDRO BESENTINI e FRANCESCO VILLA

scritto con
MARTINO CLERICETTI
ANTONIO DE SANTIS
ROCCO TANICA
FABRIZIO TESTINI


regia e scene
 LEO MUSCATO

costumi di LAURA LIGUORI
disegno luci di ALESSANDRO VERAZZI


Dopo lo straordinario successo della stagione 2010-11, tornano con i loro incontri paradossali ALE e FRANZ per farci, ancora una volta ridere ma anche riflettere su dieci fasi della vita,  su cui ridere, sorridere, ma anche riflettere.

Incontri paradossali in cui l’ordinaria vita di ogni giorno è messa di fronte a uno specchio deformante che ne rivela tutte le contraddizioni.

Due uomini – in alcuni casi amici, in altri nemici, ogni tanto sconosciuti - incrociano i loro destini sul ciglio di una strada, in un rumoroso nido d’ospedale, su una panchina al fresco di un parco, nell’asetticità di un call center, in una fiduciosa sala d’aspetto, in una vitalissima bocciofila, o sul cornicione di un palazzo.  Luoghi sospesi a mezz’aria fra il serio e il faceto; luoghi in cui l’aria che si respira è a volte dolce, altre volte salata, molto spesso precaria.

Attraverso dei meccanismi di surreale comicità, i due uomini si mostrano nei loro aspetti più ridicoli, nelle loro più assurde ostinazioni, semplici contraddizioni; ma anche nelle umane fragilità, in cui ogni spettatore potrà riconoscersi.

Tutto questo all’interno di un bianco spazio astratto, una sorta di camminamento in bilico dal niente verso il tutto, uno spazio fra il concreto e l’assurdo che di volta in volta la luce trasformerà in un luogo diverso, un altrove dentro cui lasciarsi andare con l’immaginazione e abbandonarsi finalmente a una risata.

 

LEO MUSCATO

Studia Lettere e Filosofia a La Sapienza di Roma. Durante gli anni di Università entra a far parte della compagnia di Luigi De Filippo, prendendo parte come attore agli spettacoli “Non è vero ma ci credo”, “Quaranta ma non lo dimostra” e “La lettera di mammà”. Nel 1997 si trasferisce a Milano per studiare Regia alla Scuola d’Arte Drammatica  “Paolo Grassi” dove mette in scena i suoi primi spettacoli, orientandosi subito sulla drammaturgia contemporanea. Collabora come aiuto-regia a diversi spettacoli messi in scena da: Giorgio Marini, Massimo Navone, Gabriele Vacis, Paolo Rossi.

Ha messo in scena una ventina di spettacoli, fra cui: “Il viaggio di Alice” di Evelina Santangelo per la rassegna Palermo di Scena, “Io e Matteo” di Annalisa De Lucia e “La cruna dell’ago” di Diego Papaccio  al Teatro Garybaldi di Settimo Torinese e al Teatro Grassi di Milano;  il monologo  “Solitudine” di Beppe Fenoglio, interpretato da Beppe Rosso al Teatro Sociale di Alba;  “La 12ª Notte” di William Shakespeare, al Cortile Platamone di Catania; “Terra dei Miracoli” un suo testo andato in scena al Teatro Franco Parenti di Milano; e “Rosso Malpelo” un adattamento dell’opera di Verga, al Teatro Arsenale di Milano. Ha curato la regia di diversi eventi teatrali, fra cui: “Maria Callas… Visse d’Arte”, all’Anfiteatro Romano di Siracusa; “Ser Ciaua”, una mise en espace al Teatro Stabile di Bolzano, con Lella Costa; e “La ballata del rosso castigo” scritto con Luca Scarlini e interpretato da Lucilla Giagnoni e Michele Di Mauro, nella Chiesa del Redentore di Venezia, con il quale venivano aperti i festeggiamenti per il Redentore.Dal 2005 è direttore artistico della compagnia Leart’-Teatro con la quale porta avanti il suo PROGETTO RI-SCRITTURE, mettendo in scena tre capolavori della drammaturgia mondiale “Romeo & Giulietta / NATI SOTTO CONTRARIA STELLA” da Shakespeare, “Casa di bambola / L’ALTRA NORA” da Ibsen,  e “Gabbiano / IL VOLO da Cechov”.Nel giugno 2007, al Piccolo Teatro di Milano, l’Associazione Nazionale dei Critici Teatrali gli assegna il PREMIO DELLA CRITICA 2007 come MIGLIOR REGISTA con la seguente motivazione:

Leo Muscato si colloca tra i registi più interessanti delle ultime generazioni. Dopo gli studi alla Scuola D’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano e un intenso praticantato come aiuto regista in diverse produzioni, dal 2006 è il Direttore Artistico della Compagnia LeART’ - Teatro con la quale ha avviato un interessante progetto di ri-scrittura di grandi classici della letteratura teatrale mondiale.
I primi due capitoli del progetto registico e drammaturgico, i recenti “Romeo & Giulietta - NATI SOTTO CONTRARIA STELLA” e “Casa di bambola - L’ALTRA NORA”, rappresentano un modo originale e spiazzante di affrontare i classici, rovesciando punti di vista, creando percorsi metateatrali sull’essenza dell’attore, confondendo i generi senza forzature (dal comico al grottesco al tragico), proponendo tracce di malinconica ironia unite a momenti di puro divertimento (come nel caso dei sette maschi che interpretano Shakespeare), oppure (è il caso di Ibsen) attualizzandone la cornice, accelerando i personaggi, survoltandoli, come capita alla sua Nora.
Prove coraggiose, dunque, quelle di Leo Muscato, che denotano una personalità registica in forte crescita ma già con una cifra stilistica riconoscibile.Nell’ottobre 2009 ha curato la regia e disegnato le scene per “Aria precaria”, l’ultimo spettacolo dei comici Ale & Franz, andato in scena al Teatro Smeraldo di Milano.Nel novembre 2009 ha debuttato nella regia lirica mettendo in scena per il Circuito Lirico Lombardo un dittico composto da “La voix humaine” di Cocteau/Poulanc e “Pagliacci” di Leoncavallo.
Nel novembre 2010 metterà in scena “Tutto su mia madre” di Samuel Adamson, tratto dal film di Pedro Almodovar e prodotto dal Teatro Stabile del Veneto e dal Teatro Due di Parma. Protagonista dello spettacolo, Elisabetta Pozzi. Parallelamente al lavoro di regista svolge un’attività di pedagogia teatrale: conduce Master Class di recitazione per attori e cantanti lirici presso diverse associazioni, enti pubblici e privati.
Da qualche anno è impegnato in una ricerca mirata all’esplorazione delle diverse possibilità espressive dei quattro principali registri interpretativi: il TRAGICO, il DRAMMATICO, la COMMEDIA e la COMICITÀ.



Acquista on-line

Per saperne di più


Date evento
  • il 18/11/12 ore 16.45

tipo evento: Teatro
evento rivolto a: tutti
accessibilità: accessibile ai disabili
E-mail: info@teatroverdionline.it

Luogo
  • Teatro Verdi
    Via Ghibellina, 99
    50122 Firenze









Orchestra della Toscana Orchestra della Toscana BoxOffice Toscana